“NONNI DIGITALI” A CANEVA, SI CONCLUDE LA SECONDA EDIZIONE

Sino a tutto dicembre diverse le proposte per gli over 65 promosse dal Comune di Caneva all’interno del progetto “Adesso ci penso io”

CANEVA – “Nonni, adesso ci penso io, vi insegno ad usare lo smartphone”, è il messaggio rivolto dal Comune di Caneva agli over 65 per invitarli a partecipare al più ampio progetto “Adesso ci penso io”, la cui 2^ edizione sta proponendo una serie di incontri gratuiti sino a fine dicembre tra cui quelli previsti il 21 e 28 novembre dedicati ai “Nonni digitali”. Il percorso vede la partecipazione di alcuni studenti in qualità di tutor e si rivolge a tutti gli over 65 residenti a Caneva interessati ad acquisire competenze digitali di base attraverso lo smartphone.

Alle battute finali ma denso di incontri il progetto “Adesso ci penso io” è cofinanziato dalla Regione Friuli Venezia Giulia e realizzato dalla Cooperativa sociale Itaca in collaborazione con il gruppo Auser Caneva e il gruppo Anteas Caneva. Nato per avvicinare la cittadinanza ai temi dell’invecchiamento attivo e per promuovere processi di integrazione intergenerazionale fra ragazzi e anziani del territorio, ha sviluppato nell’arco degli ultimi due anni una serie di programmi all’interno sia dei centri estivi della scuola dell’infanzia che coinvolgendo gli studenti delle scuole primarie e secondarie di primo grado. Il territorio ha reagito con entusiasmo e partecipazione agli eventi promossi dal Comune ed è pronto a partecipare anche agli ultimi progetti in programmazione fino a dicembre.

Il 19 di ottobre è partito un corso di ginnastica cognitiva che terrà impegnati i partecipanti per sei incontri ogni giovedì dalle 17 alle 18.30 all’Officina di Villa Frova. Il corso ha lo scopo di individuare, attraverso semplici esercizi di coordinazione psicomotoria per ciascun partecipante, le zone più impolverate o arrugginite del cervello e fornire un programma individuale per migliorare aspetti che coinvolgono la vita di tutti i giorni. Gli appuntamenti sono gestiti da un esperto in neuromotricità e consentiranno di acquisire competenze specifiche per affrontare alcune difficoltà che si possono incontrare durante l’invecchiamento (Info: 347 6900492).

Tornando a “Nonni digitali”, il 31 ottobre è ripartita la 2^ edizione del progetto di digitalizzazione rivolto agli over 65 canevesi, una serie di cinque incontri ogni martedì dalle 16.30 alle 18.30 sempre a Villa Frova, in cui ragazzi del territorio si stanno prestando nel ruolo di docenti per gli anziani che vogliono imparare ad essere più disinvolti con lo smartphone.

Inoltre, con lo scopo di raggiungere tutta la cittadinanza, anche quella in condizione di fragilità o vulnerabilità, il Comune ha promosso da aprile a giugno l’attività di “Sportello Amico”, un presidio settimanale che si è tenuto ogni venerdì di fronte al Municipio per avvicinare le persone alle iniziative proposte dall’Amministrazione comunale, ma altresì per raccogliere eventuali indicazioni e problematiche segnalate dalla popolazione. A completamento delle attività di sensibilizzazione, nel mese di novembre verrà promossa un’attività di fotonarrazione al domicilio di quegli anziani che sono impossibilitati a raggiungere i luoghi di incontro calendarizzati a Villa Frova.

Nelle scorse settimane, peraltro, anche i ragazzi delle scuole primarie di Caneva e Sarone hanno partecipato a un breve percorso di narrazione sulla figura dell’anziano. Grazie al progetto “Esploratori di tutte le età”, hanno avuto a disposizione un modo divertente per raccontare gli anziani nel loro percorso di vita.

Infine, a conclusione di un biennio ricco di appuntamenti, l’Amministrazione comunale canevese tirerà le somme del più ampio e articolato progetto “Adesso ci penso io”, in una serata conviviale prevista il 12 dicembre alle 18 a Villa Frova aperta a tutta la cittadinanza. Sarà l’occasione per raccontare l’impegno dell’Amministrazione grazie anche all’intervento della dott.ssa Silvia Vettor, esperta sulle tematiche dell’invecchiamento attivo, che già aveva partecipato ad una della serie di conferenze a tema nei mesi passati.

“Penso che tutti questi progetti organizzati e promossi dall’Amministrazione comunale – afferma il sindaco Dino Salatin -, in collaborazione con Itaca, che ringrazio sentitamente per la professionalità dei loro operatori, siano la dimostrazione di quanto questa Amministrazione sia attenta alle fasce più deboli della nostra cittadinanza, i nostri anziani sono per noi una risorsa e non una criticità. Questi progetti sono gli strumenti che l’Amministrazione comunale ha messo a disposizione per far sentire vivi, partecipi e conseguentemente rendere attiva la parte più anziana della nostra popolazione, fulcro della nostra comunità. Un grande grazie va anche alle ragazze e ai ragazzi che hanno condiviso un percorso di crescita digitale con il progetto Nonni Digitali”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.