ASSISTENZA DOMICILIARE PERSONALIZZATA CON MARCA SOLIDALE

Itaca presenta il nuovo servizio “ComeTe” con Marca Solidale

PORDENONE – Assistenza domiciliare personalizzata dedicata agli anziani per rispondere alle esigenze delle famiglie, è il nuovo servizio “ComeTe” rivolto ai 7200 soci di Marca Solidale – la mutua di Banca della Marca – sparsi nel territorio che va dal Pordenonese alla Marca Trevigiana. Grazie alla stretta collaborazione con la Cooperativa sociale Itaca di Pordenone e la Cooperativa sociale Castel Monte di Montebelluna, che si occuperanno della gestione concreta del servizio, anche gli oltre 760 soci residenti in 16 Comuni della provincia di Pordenone potranno usufruire delle prestazioni.

Anche i soci di Marca Solidale residenti ad Aviano, Azzano Decimo, Brugnera, Budoia, Caneva, Chions, Cordenons, Pasiano, Polcenigo, Porcia, Pordenone, Prata, Sacile, San Quirino, San Vito al Tagliamento e Zoppola potranno usufruire a costo agevolato di diversi interventi a domicilio rivolti a persone anziane, a partire da cura e assistenza, monitoraggio badanti, prestazioni infermieristiche e fisioterapia. Tra le novità più importanti la presenza del “care manager”, figura centrale e innovativa del servizio ComeTe, che accompagnerà il socio di Marca Solidale nella scelta corretta della prestazione di assistenza.

Realizzato per offrire interventi personalizzati a carattere assistenziale, sociale e sanitario in base alle specifiche esigenze del socio di Marca Solidale o dei suoi familiari, il servizio ComeTe nasce come declinazione territoriale della omonima rete interregionale, che vede coinvolta in prima persona la Cooperativa sociale Itaca e che consta di un partenariato di 13 Cooperative sociali guidate dalla Cadiai di Bologna, capofila della rete: le altre Coop sono Azalea di Verona, Cad per le provincie di Forlì-Cesena e Rimini, Cidas che opera a Ferrara e in Veneto, il Consorzio Sgs con sede a Lanciano ed operativo in Abruzzo, Labirinto che opera nel territorio della Provincia di Pesaro e Urbino per le Marche, Opengroup di Bologna, Seacoop di Imola, Zerocento che opera nella provincia di Ravenna, Camelot per l’area di Ferrara, Castel Monte per il Veneto e Coop Selios per Reggio Emilia.

Rispetto alle aree operative, gli interventi coprono un ampio ventaglio e riguardano la cura e assistenza soprattutto ad anziani, disabili e tutte quelle persone che, anche in situazione di bisogno temporaneo, necessitano di un aiuto nello svolgimento delle attività quotidiane. Il monitoraggio badanti offre sia un servizio di affiancamento nelle operazioni di ricerca e scelta di una figura di assistenza familiare, sia la formazione e supporto a domicilio – tramite una Oss dedicata – della badante individuata dal socio. Tra le opzioni anche la prestazione infermieristica semplice, attraverso l’intervento di personale infermieristico specializzato in operazioni quali la somministrazione farmaci o il cambio catetere, mentre la prestazione infermieristica complessa comprende operazioni quali la medicazione piaghe da decubito, la flebo assistita o le iniezioni. Previsti altresì accessi per sedute di fisioterapia, utili in un percorso di riabilitazione per mantenere in attività i muscoli anche in un periodo di allettamento.

Due le serate a tema svoltesi il 14 e 20 giugno (la data del 30 giugno è stata annullata per motivi organizzativi) a Pordenone in Sala Teresina Degan della Biblioteca civica, mercoledì 14 giugno dalle 18 alle 19.30 con il focus “Vecchio non vuol dire ammalato”, previsti gli interventi di Annapaola Prestia, coordinatrice area anziani Servizi Territoriali della Cooperativa Itaca, che è intervenuta su “La comunicazione e la relazione con le persone anziane”, e di Luca Spagnol, responsabile processi infermieristici Cooperativa Itaca, che ha parlato de “La cura dell’anziano a domicilio”. (ComeTe per Marca Solidale a Pordenone, scarica il programma)

Per accedere al servizio il socio di Marca Solidale non dovrà fare altro che chiamare il numero verde dedicato 800776332 o scrivere una e-mail a marcasolidale@servizicomete.it segnalando il bisogno. L’operatore del numero verde prenderà in carico la segnalazione e, dopo aver fornito i primi elementi di orientamento di base sulla funzionalità del servizio, attiverà il care manager di zona per la programmazione dell’intervento. Entro 48 ore il socio verrà ricontattato per fissare una visita a domicilio utile a comprendere le necessità, valutare l’eventuale presa in carico del bisogno e la programmazione del servizio.

Fabio Della Pietra e Pamela Corrier

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.