OTTIMA SENIOR PUNTA SUI GIOVANI TALENTI E SULL’ALTA SPECIALIZZAZIONE PROFESSIONALE

I 16 giovani ricercatori oggi a Sacile con l'assessore alla salute e servizi sociali Maurizia Salton, il direttore della Residenza protetta Rossano Maset, i responsabili di Ottima Senior Enzo Angiolini, Elena Bortolomiol e Laura Lionetti

I 16 giovani ricercatori oggi a Sacile con l’assessore alla salute e servizi sociali Maurizia Salton, il direttore della Residenza protetta Rossano Maset, i responsabili di Ottima Senior Enzo Angiolini, Elena Bortolomiol e Laura Lionetti, e il formatore Manolo Battistutta

Partito oggi a Sacile il percorso di ricerca di 16 giovani laureati sull’efficacia del Metodo Gentlecare per persone sofferenti di demenza e Alzheimer

SACILE – Ottima Senior punta su un pool di giovani talenti e sull’alta specializzazione professionale di 16 giovani laureati provenienti da tutta Italia, che saranno impegnati fino ad ottobre nello “Studio osservazionale sull’efficacia del Metodo Gentlecare”, rivolto a persone sofferenti di demenza o Alzheimer. E’ partito oggi dal Centro diurno di Sacile il percorso di ricerca del Premio Gentlecare® Sicurhouse, il Premio Nazionale Post Laurea riservato a giovani laureati per la realizzazione di studi sull’applicazione del Metodo Gentlecare in ambito geriatrico, che verrà attivato in nove Centri italiani.

I 16 giovani laureati provengono in 10 dal corso di laurea in Terapia Occupazionale triennale e in 6 da quello in Psicologia magistrale, ben 14 le laureate (9 in Terapia Occupazionale e 5 in Psicologia magistrale) e 2 i laureati (uno per corso). Talenti che si sono formati in diverse Università italiane da Padova a Trento, da Pavia a Milano, da Torino alla Cattolica di Roma, e ancora da Bologna a Modena e Reggio Emilia, e poi Urbino, Pisa, Chieti-Pescara, Bari e Roma.

Nove e sparse in tutta Italia le sedi all’interno delle quali i 16 ricercatori porteranno avanti il loro percorso di ricerca: il Nucleo per persone affette da demenza presso la “Residenza protetta” del Comune di Sacile (Pn); il Nucleo per persone affette da demenza presso l’Apsp “Margherita Grazioli” di Pove (Tn); il Nucleo Demenze presso l’Istituto “Golgi-Radaelli” di Abbiategrasso (Mi); il Nucleo per persone affette da demenza presso la Residenza “Trifoglio” della Cooperativa sociale Bios a Torino; il Nucleo per persone affette da demenza presso la Fondazione “Boni” di Suzzara (Mn); il Centro Diurno e Centro Integrato “Margherita” della Cooperativa sociale Labirinto a Fano (Pu); il Nucleo Demenze presso la Rsa “Quinta Stella” di Tolfa (Rm); il Centro Alzheimer presso la Fondazione “Roma Sanità” a Roma; e la “Casa Alzheimer Don Tonino Bello” dell’Associazione Alzheimer Bari a Bari.

Il percorso partito questa mattina dal Centro diurno di Sacile “è una prima ricognizione propedeutica ad un futuro percorso di valutazione scientifica – spiegano i soci fondatori, assieme alla Cooperativa sociale Itaca, di Ottima Senior Enzio Angiolini, Elena Bortolomiol e Laura Lionetti -. E’ nostro interesse centrare il focus sulle possibili modalità di verifica dell’efficacia del metodo Gentlecare attraverso una raccolta dati, un’analisi delle variabili e la verifica dell’utilizzo degli strumenti di valutazione proposti e/o utilizzati nei servizi”.

Il Metodo Gentlecare si basa su un approccio sistemico che prevede la costruzione di una protesi attorno alla persona sofferente di demenza o Alzheimer, costituita da spazio, persone e programmi, per cui le variabili sono molteplici e difficilmente monitorabili in modo omogeneo in un contesto come quello italiano dove ogni Regione ha una normativa specifica sui servizi per anziani affetti da demenza, con standard di personale e strumenti di valutazione diversi.

Il protocollo di ricerca prevede il monitoraggio delle aree in cui sono stati riscontrati maggiori miglioramenti per la qualità di vita delle persone con demenza nei servizi in cui il metodo Gentlecare è utilizzato, come l’eliminazione della contenzione, la riduzione dei disturbi del comportamento e dei disturbi dell’umore, l’incremento della socializzazione dell’anziano, la riduzione dello stress percepito sia dai familiari che dagli operatori.

Promuovere l’esperienza sul campo dei giovani per sensibilizzare un cambiamento culturale e organizzativo nel mondo degli anziani è uno degli obiettivi principali di Ottima Senior, il gruppo fondato nel 2005 a Pordenone da Enzio Angiolini, Elena Bortolomiol, Laura Lionetti e Cooperativa sociale Itaca, referente dal 2011 per la società Moyra Jones Resources Ltd della diffusione e della verifica del Metodo Gentlecare per l’Italia e per l’Europa.

Ideato e promosso dalla terapista occupazionale canadese Moyra Jones, Gentlecare si basa sull’assunto che gli anziani fragili, i grandi anziani e le persone affette da demenza o Alzheimer modificano il loro modo e le loro capacità di interazione con l’ambiente circostante. È perciò fondamentale fornire loro protesi per aiutarli a sfruttare le abilità residue di movimento e indipendenza per una migliore qualità della vita. Tali protesi possono essere spazi, persone e programmi, come ben delineato nel libro “Gentlecare cronache di assistenza. Soluzioni, modalità e idee di applicazione del metodo” (Erickson 2015), curato da Elena Bortolomiol, Laura Lionetti e Enzo Angiolini, soci fondatori del gruppo Ottima Senior.

SICURHOUSE è un marchio registrato di proprietà di due noti marchi italiani, Fft-europe e Ross, grazie ai quali e per la fusione delle proprie tecnologie e professionalità maturate nel corso di decenni, è stato generato un sistema di costruzione di strutture residenziali e non, multipiano, realizzate con ossatura in Profili di acciaio alleggeriti e chiusura edificio con soluzioni a secco.

SICURHOUSE ha già maturato significativi riscontri dal mercato immobiliare sia per eventi di ristrutturazione e/o variazioni e ampliamenti di strutture che, per nuovi progetti di edificazione, il tutto per merito di importanti e considerevoli vantaggi di questo nuovo modo di costruire:

  • Riduzione dei tempi lavoro
  • Ottimizzazione e preventivazione certa dei costi
  • Prevenzione ad eventi sismici elevatissima e tutela degli ambienti ad accidentali incendi (grazie alla capacità ignifuga della pannellature costituenti ogni parete)
  • Meticolosa organizzazione del cantiere
  • Maggiore sicurezza delle maestranze
  • Elevazione del concetto di smontaggio e riciclabilità

Fabio Della Pietra

2 pensieri su “OTTIMA SENIOR PUNTA SUI GIOVANI TALENTI E SULL’ALTA SPECIALIZZAZIONE PROFESSIONALE

  1. Pingback: Metodo Gentlecare per persone sofferenti di demenza e Alzheimer

  2. Pingback: Ottima Senior punta su un pool di giovani talenti e sull’alta specializzazione professionale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.