NOI DEL CENTRO DIURNO DI SACILE CI SIAMO GUARDATI NEGLI OCCHI

P1180421SACILE – Ancora una volta insieme, per raccontarci e raccontare momenti vissuti al Centro Diurno.
Abbiamo fatto progressi, ci siamo conosciuti meglio, abbiamo imparato a volerci bene. Ci è stata insegnata la tolleranza e la pazienza. E la pienezza del vivere. Attraverso gli abbracci, le risate e, a volte, qualche lacrima, abbiamo scandito il nostro tempo insieme. Ci hanno insegnato che la disabilità non è una malattia, abbiamo imparato che ognuno di noi attraversa la vita con un proprio equipaggiamento, che non ci sono preclusioni, solo diverse opportunità. Un limite non è un limite, se non pensi al limite. A volte la non abilità riguarda l’anima e allora, per davvero, la vita risulta piena di ostacoli. Ma qui abbiamo imparato a guardare altrove, perché ci hanno insegnato la bellezza del vivere.
Grazie a tutti gli ospiti, alle loro famiglie, esempio d’amore, di coraggio e di condivisione. Maestri di vita.
Questo è lo spirito con il quale abbiamo vissuto le nostre esperienze e con il quale ci siamo approcciati al Natale. Ci siamo scambiati regali e auguri ma soprattutto ci siamo guardati negli occhi e nel cuore. Ancora grazie e gioia per tutti. (Gli operatori del Centro Diurno di Sacile)

Lo scorso 23 dicembre si è tenuta presso il Centro Diurno disabili di Sacile la Festa di Natale. Il ritrovo era previsto per le 14 nel salone della struttura, predisposto per l’occasione ad accogliere gli invitati. Presenti, oltre agli operatori e agli utenti, anche le famiglie, il sindaco di Sacile e i rappresentanti dell’amministrazione comunale, la presidente della Cooperativa Itaca e la responsabile dell’area Disabilità, i rappresentanti dell’Azienda Sanitaria, il Servizio Sociale, le associazioni, i colleghi della Cooperativa Acli, i volontari tra cui un gruppo di Clown Therapy.
Dopo aver ascoltato i discorsi del sindaco e della presidente di Itaca i quali, dopo gli auguri, si sono congratulati col team per lo splendido lavoro svolto, è stato il turno della coordinatrice del Centro, che ha colto l’occasione per ringraziare tutti i colleghi per i risultati ottenuti e augurare a tutti buon anno.
Successivamente la festa ha avuto inizio, animata dai volontari clown e dalla musica di Domenico Bocale. Non è mancato un ricco buffet al quale hanno contribuito sia gli operatori che le famiglie. Durante la festa sono stati donati agli ospiti gli omaggi da parte dell’amministrazione comunale e, da parte dell’équipe della struttura, un libretto rappresentativo delle gite estive e dei momenti di vita quotidiana al Centro Diurno.
È stato un anno molto proficuo e ricco di soddisfazioni. L’augurio è che questo 2016 possa replicare l’anno appena concluso e, perché no, superarlo.
Vorrei concludere con un ringraziamento personale all’équipe del Centro Diurno e, in particolar modo, alla coordinatrice Egle Presotto per avermi invitato a questa splendida festa. L’essere tornato al Centro Diurno dopo aver collaborato con la struttura per alcuni mesi, ha fatto riaffiorare tanti bei ricordi, uniti all’aver rivisto gli ospiti e le loro magnifiche famiglie. Per me è stato un arrivederci. Mentre vi scrivo mi trovo qui presso il Centro Diurno in qualità di tirocinante al primo anno del corso di laurea di Educatore Professionale Sanitario. Si sta rivelando un’esperienza meravigliosa, sia dal punto di vista umano che professionale e formativo, per cui vorrei davvero concludere ringraziando tutti i colleghi e soprattutto la coordinatrice per avermi dato questa fantastica opportunità.

Roberto Sansone

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.