GLI ANZIANI DIVENTANO ATTORI

Cortometraggio girato in Casa di riposo

 

Azzano Decimo

Gli anziani residenti all’Asp Solidarietà Cadore si scoprono attori, grazie all’aiuto del Progetto Enea. A conclusione dell’esperienza del laboratorio espressivo – emozionale è nato un cortometraggio dal titolo “La mare de San Piero” girato in 16 incontri (14 in Casa di riposo e due alla sede dell’associazione Molino Rosenkranz). Hanno collaborato, oltre agli anziani, i volontari della San Pietro Apostolo, gli operatori di Itaca e l’associazione Molino Rosenkranz. Gli anziani coinvolti sono stati 34. Soddisfatto il presidente della struttura Valter Bortolussi: «Il progetto ha offerto agli ospiti un canale espressivo alternativo, culminato con la produzione del cortometraggio. Ma soprattutto sono stati raggiunti gli obiettivi a favore degli anziani, miglioramento della sfera emotiva e della qualità della vita, accrescimento dell’autostima e maggiore socializzazione».

L’idea di fare un “cine” (video) e utilizzare la telecamera per registrare e potersi rivedere è partita grazie a un partecipante. Per quanto riguarda la scelta della storia, gli anziani hanno deciso di raccontare la leggenda popolare legata al 29 giugno (San Pietro e Paolo) e alle avversità che si presentano per la protagonista, la Mare de San Piero, donna cattiva che ogni anno in questa data per vendetta manda fulmini e tuoni rovinando il raccolto «Il diritto degli anziani ospiti in casa di riposo – conclude Bortolussi – è di continuare di fare esperienze di ordine sociale, di gruppo, dove possono ancora partecipare, pensare, esprimere opinioni».

Mirella Piccin

 

Fonte: Gazzettino

1 Agosto 2013

Ed: PORDENONE

Pagina: 16

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.